Va bene essere poveri, ma così si esagera (vaccino antiinfluenzale)

Spread the love

Ua wro giovane, con una salute accettabile e una speranza di una vita migliore, squattrinato, come spesso, per non dire sempre, e poi? poi il tempo è passato. E con sé ha portato via la mia gioventù, il mio lavoro e la mia salute. Nel 2015 ho avuto un episodio di scompenso Cardiaco, non fatale-purtroppo ma neanche sufficiente per una pensione di invalidità, quindi, insieme alla perdita del lavoro mi ha ridotto a questa condizione di non-vita, perché che vita è quella in cui non puoi permetterti nulla, neanche una influenza e sei condannato a cominciare la giornata con delle pasticche, solo per arrivare all’ora del pranzo per ingurgitarne altre e passare le ore in mezzo a evitare i mendicanti che mi fermano per strada e mi chiedono delle monete, che non ho da dargli. Il mio medico curante ha stabilito che, vista la cardiopatia, no posso permettermi di prendere l’influenza e quindi vengo vaccinato ogni anno cosa che a parte l’istante di dolore dell’ago che buca la pelle non mi dispiace perché credo nell’idea di vaccino e ringrazio Jenner che lo ha inventato alla fine del settecento, per i dettagli c’è wikipedia con la stessa convinzione con cui provo ribrezzo di fronte ai cosiddetti ”no vax” che mettono a rischio la salute dei propri figli per seguire un fenomeno di moda, disprezzabile ne più ne meno del credere alle scie chimiche. Pensavo però che, per quanto povero potessi essere, avrei sempre potuto permettermi una influenza, il medico ha detto che non posso permettermela e quindi… mi lasco vaccinare, in spregio ai no vax e alle loro ubbie. Se chi legge è un antivaccinista che dire se non sospirare e pensare che c’è chi ha problemi più grossi dei miei? Vaccini sì, ora e sempre, forza vaccino. A proposito i vaccini si chiamano così perché il primo, quello inventato da Jenner fu appunto un vaccino usato per prevenire l’insorgenza dello smallpox o Vaiolo delle Vacche, Variolae Vaccinae, quindi ad essere rigorosi filologi, forse invece che vaccini andrebbero chiamati mucchini, almeno dai sensibili e politically correct, quei pusillanimi nella mia opinione che non chiamano le cose con il loro nome, cioè quelli che non accettano che le cose si chiamino con il loro nome, per cui un disoccupato va chiamato privo di lavoro, un cieco ipovedente o, al massimo, privo di vista e tanti altri salamelecchi linguistici che impediscono di chiamare un negro, negro e si rifugiano in cose tipo, di colore, diversamente bianco o ai vari operatore ecologico al posto di netturbino ecc. ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *