Libri e cervello

Spread the love

I libri contengono informazioni, dati, date e fatti, documenti ed altro, non sono molto diversi da altri oggetti che contengono cose simili quali, per esempio gli hard disk di un computer o le memorie portatili come i thumb drive, I CD-ROM e le penne USB che li hanno ormai rimpiazzati. Ma i libri sono diversi, infatti, sono anche degli utensili che servono a modificare il cervello attraverso il loro contenuto testuale in altri termini per me la lettura non é solo un grande piacere fine a sé stesso ma una attività che ci permette di plasmare il nostro cervello, che d’altra parte è un materiale plastico, proprio attraverso l’uso di utensili come la lettura, l’apprendimento ed il ragionamento. Intesi non tanto in senso astratto ma come pratica concreta oh se la gente allenasse il proprio cervello come fa con i muscoli andando in palestra dopo il lavoro, certo se la lettura fosse uno sport agonistico l’Italia non verrebbe nemmeno ammessa alle selezioni per i campionati mondiali, anzi c’è chi si vanta di non avere mai letto un libro. E in generale i dati sulle abitudini di lettura sono sconfortanti, e la politica che esprime i personaggi attuali ne è una conseguenza. Più per le carenze non di nozioni e nozionismo, pratica della quale taanto a lungo, è stata accusata la scuola, quanto per la mancanza di pratica di ragionamento su quei dati e quelle nozioni che si desumono dalla lettura e, poi, nel tempo, vengono rielaborati dal cervello, con un pensiero critico e indipendente che la scuola dovrebbe incoraggiare e sostenere e non avversare in favore di alunni, disciplinati e obbedienti ma di giovani indipendenti e pensanti autonomamente, cosa che, in vero, la politica non apprezza perchè, in futuro, questi saranno, sarebbero, elettori consapevoli e non la pancia del paese che è tanto facile solleticare con promesse populiste e demagogia un tanto al chilo, in cambio di voti. L’Educazione Civica, un tempo colonna portante dell’educazione scolastica, è stata abolita a partire dalle contestazioni del sessantotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *