MUTA SCUBAPRO NOVA SCOTIA 6.56 min read

Spread the love

 – Nino Toci – foto Matias Civitella

La prova in mare di pochi numeri fa si è concentrata sulle caratteristiche della muta semistagna Nova Scotia 4 millimetri che è una delle novità proposte da Scubapro per la stagione 2012. Nova Scotia esiste anche nella versione da 6,5 millimetri che, per l’azienda, è da anni un vero e proprio “classico”. Infatti, il primo modello di Nova Scotia è stato presentato una dozzina di anni fa, intorno al cambio di secolo. Questo potrebbe portare a considerare Nova Scotia una muta ormai vecchia, tanto come concezione che come materiali e taglio. In realtà in questi dodici anni l’unica cosa che Scubapro ha lasciato immutato è il nome del modello, mentre le caratteristiche della muta hanno continuato ad evolversi costantemente, anno dopo anno, con l’applicazione di nuovi materiali, con l’utilizzo di modelli di taglio aggiornati e con l’aggiunta di caratteristiche.

Ecco che la Nova Scotia 6,5 che abbiamo ricevuto per questa prova in mare è praticamente una muta totalmente nuova, eccetto che nel nome, come abbiamo detto. Di fatto anche il taglio della versione 2012 è stato rinnovato per migliorare ulteriormente la vestibilità dei modelli da uomo e da donna ed adattarsi alle rinnovate caratterstiche del tessuto.

Nell’estrarre Nova Scotia 6,5 dalla confezione la prima cosa che si nota è che è molto leggera per essere una muta da sei millimetri e mezzo. La spiegazione di questo fatto la dobbiamo ricercare nel tipo di neoprene con la quale è confezionata. Scubapro, infatti, ha portato alla sua semistagna il materiale della linea di mute Everflex, linea di mute umide realizzate da vari anni in neoprene, appunto, Everflex.

Questo tessuto è realizzato con una spugna di neoprene estremamente flessibile ed elastica, le cui celle sono in grado di estendersi in tutte le direzioni, rendendo quindi la muta molto comoda e poco limitante nei movimenti. Nell’indossarla prima dell’immersione scopro che il rivestimento interno è realizzato in microplush, con un rivestimento di heliospan, di colore rosso. L’heliospan è un rivestimento capace di trattenere un sottile strato di acqua che, riscaldandosi rapidamente a contatto con il corpo e non potendo fuoriuscire dalla muta, si comporta a tutti gli effetti come un ulteriore strato isolante che si aggiunge alla protezione termica già fornita dai 6,5 millimetri di neoprene. L’indossamente risulta facilitato dal plush, che facilita lo scorrimento del tessuto sulla pelle, anche se a prima vista Nova Scotia sembra essere più stretta della reale taglia. Questo è dovuto proprio all’elasticità del neoprene Everflex, che essendo molto elastico tende a fasciare molto il corpo. La vestione è solo apparentemente più difficile e, una volta che la muta è indossata, non ci sono pieghe o spazi che possono fare “effetto soffietto” e quindi creare una circolazione d’acqua che ridurrebbe la protezione termica. In particolare l’elevato livello di isolamento termico è dovuto alle tenute presenti a collo, caviglie e polsi. In queste due ultime zone troviamo degli “acquastop” costituiti da uno strato interno ed uno esterno, con quello interno rivestito in silverskin per facilitare lo scorrimento sulla pelle ed aumentare la tenuta. Il doppio strato consente di indossare il guanti e i calzari “a sandwich” tra i due strati in modo da rendere la chiusura quasi stagna. A livello del collo si trova un doppio strato, di cui il lembo interno, di 3mm per assicurare il comfort, è rivestito in glideskin sulla superficie a contatto con la pelle e che è progettato per essere risvoltato all’interno come si fa con l’acquastop dei collarini delle mute stagne in neoprene. Entrando in acqua si nota come questi accorgimenti siano efficaci: infatti non c’è praticamente alcun ingresso di acqua e manca totalmente la sensazione spiacevole dovuta all’acqua fredda che si infiltra nella muta. Questo doppio strato si abbina al collare del cappuccio che si inserisce tra i due strati per ultimare la chiusura.

La cerniera stagna è in posizione convenzionale, cioè posiziona posizionata da spalla a spalla. Ma si tratta di una nuova cerniera prodotta da TIZIP. Finora Scubapro aveva utilizzato la TIZIP classica, realizzata in gomma e con i denti della cerniera posizionati all’interno delle due bande di materiale plastico. La nuova TIZIP si chiama MasterSeal e funziona con un tessuto robusto e rivestito in poliuretano termoplastico che si completa di robusti denti. Quando il cursore, realizzato in lega metallica per resistere alla corrosione, unisce i due lembi. i grandi denti in plastica li bloccano in posizione con una forza notevole. Inoltre il cursore lavora sui denti ma senza toccare la parte di nastro in tessuto o la superficie che realizza la tenuta delle guarnizioni, in questo modo aumenta la longevità della cerniera. Questo nuovo tipo di TIZIP si rivela particolarmente flessibile e non dà fastidio addosso, un dato molto interessante visto che la Nova Scotia è così elastica che un elemento rigido si avvertirebbe in modo rilevante. Come detto in apertura, Scubapro ha aggiunto anche delle nuove caratteristiche. Tra queste troviamo un robusto rivestimento in tessuto antiabrasione che è applicato alle spalle e sulla seduta, cioè nei punti più sollecitati; rispettivamente dal contatto con gli spallacci dell’equilibratore e con la panchetta della barca o gli scogli su cui ci si siede per entrare in acqua dalla riva o per mettere o togliere il gruppo scuba o le pinne. Anche le ginocchiere, che sono realizzate in Tatex, servono a proteggere il neoprene.

Tra le altre novità troviamo una tasca con cerniera che è applicata a livello della parte esterna della coscia destra. In acqua la tasca si rivela molto pratica, consentendo di ospitare vari accessori come un pedagno o una lavagnetta che risultano più facili da raggiungere rispetto a quando sono stivati nelle tasche del jacket. Inoltre un anello all’esterno della tasca fa il paio con il piccolo moschettone in plastica che è stato applicato al cappuccio e che si rivela l’ideale per avere il cappuccio con sé prima dell’immersione, senza doverlo tenere necessariamente in mano.

Nova Scotia 6,5 millimetri porta l’eredità di questo modello classico ad un nuovo livello che riteniamo possa soddisfare le necessità di tutti i subacquei, anche i più esigenti e con una versatilità che la rende ideale praticamente tutto l’anno in acque temperate.

Dati della prova: Nova Scotia è stata testa in immersione nelle acque dell’isola del Giglio nei giorni 27 e 28 aprile 2012.

Caratteristiche principali
Materiale: Neoprene 100% Everflex
Spessore: 6,5 mm, cappuccio 6mm con giroviso da 3mm
Cerniera: posteriore “spalla-a-spalla” T-zip MasterSeal,
Colori: nero con motivo decorativo grigio scuro sul petto, grafiche silver

Caratteristiche: doppio sigillo in a polsi, caviglie e collo, ginocchiere in Tatex, rinforzi interni sulle giunzioni delle cuciture,
Versioni disponibili: uomo e donna
Taglie: Uomo S, M, ML, L, XL, XXL – Donna XS, S, M, L, XL

Didascalie

Acqua…acqua4= foto di apertura

Collo.jpg Il collo di Nova Scotia è in due strati da 3mm. Quello interno si ripiega per assicurare la tenuta.

Tasca.jpg La tasca posta sulla coscia destra può accogliere accessori e ospita l’occhiello per agganciare il cappuccio.

Tizip.jpg La nuova cerniera Tizip MasterSeal utilizza un nuovo sistema di chiusura, estremamente robusto.

Heliospan.jpg Il rivestimento interno di colore rosso è in heliospan, un tessuto in grado di aumentare la protezione termica.

Muta.jpg NovaScotia aderisce bene al corpo grazie all’elasticità dell’everflex, quindi il nuoto non risente particolarmente di attriti dovuti ad eventuali pieghe.

Liked it? Take a second to support Carlo on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *