Cv giornalismo

Sono-o almeno mi descrivo come giornalista, anche se da un po’ non scrivo su nessun giornale, dopo che il periodico online, non pagante e che richiedeva una quota di iscrizione ho deciso che può continuare con le quote associative dei millennials disperati di attenzione che, coi soldi dei genitori, possono fare ciò che voglio e l’associazione l’Ancora che promuove il periodico in questione, può continuare ad offrire la sua formula pay to write al prossimo, ma attenzione… al prossimo, non a me. Con me hanno chiuso, ho dato nel 2017 ed ora, appunto, ho già dato.

Comunque pubblico il mio CV da giornalista, sperando che serva a qualcosa, chi ritiene che stia sbagliando è pregato di ignorarmi e rivolgersi altrove, dopotutto la rete è immensa, se non gli piace stare qui.. vada dove vuole. Dopotutto tutti apportano gioia qui: chi quando arriva e chi quando se ne va.

CV

Carlo Amoretti-8/12/1971-Giornalista pubblicista iscritto all’ordine da novembre 2006, ‘tessera numero 118779’ho collaborato con vari mensili specializzati e di settore a partire dal 2001, ho una  Laurea in media e Giornalismo (scienze della comunicazione) rilasciata dall’università degli studi di Firenze — Scuola di Scienze Politiche Cesare Alfieri, il 21 febbraio 2018 con votazione 104/110, attualmente sono iscritto al corso di Laurea Magistrale in Sociologia sempre presso l’università degli Studi di Firenze, contemporaneamente  sto frequentando un Master di primo livello in Giornalismo e comunicazione e Giornalismo a Roma, organizzato da Comunika , ho partecipato ai corsi online ed in presenza ed ho già accumulato il massimo di punti (75) previsti dal sistema di formazione continua (Sigef) per il triennio 2017-2019.

1994-1996 Radio Europa Montecatini 106,3MHz, Raccolta,elaborazione e lettura news per i Radiogiornali, resi obbligatori dalla legge 6 agosto 1990 n 223, cosiddetta “Legge mammì” oltre a conduzione vari programmi di musica e intrattenimento nel periodo 1993-1995 tra i quali A Night at the movies ed altri

2001-2015 redattore per il mensile Il Subacqueo, Editrice La Cuba Roma, redazionali per prodotti in prova

2001-2002 Redattore Capo della Rivista di Subacquea Tecnica MaxDepth Edita da Edizioni Vinco

2015 Redattore per Scubazone

2002-2016redattore per il mensile Sub editoriale Adventures srl, Milano- redazionali e prove attrezzatura

2001-2017 redattore Mondo Sommerso Editoriale Olimpia Firenze, due rubriche mensili, Calendario e Eventi e Fiere

2002-2009 redattore per N&A Mensile dell’emergenza, Pistoia: passaggio e riscrittura testi dei collaboratori esterni

2003-2006 redattore per il mensile AQva

2012-2015 collaboratore mensile Scubazone– Milano

2010-2011 Scrittura articoli per rivista Buceador, Spagna

2017 Redattore sezione Cultura del Periodico Italiano Daily

ALTRE ESPERIENZE

2009-2015 Webmaster e social media manager SCUBAPRO ITALY SRL, Casarza Ligure (GE)

LINGUE STRANIERE: INGLESE LIVELLO C1, FRANCESE LIVELLO B2

Job Title, Company Name; City, State — 2009–2017

Neque pecun modut est neque nonor et imper ned libidig met, consectetur adipiscing elit, sed ut labore et dolore magna aliquam is nostrud exercitation ullam mmodo , sagittis felis sodales, dolor sociis mauris, vel eu libero cras. Interdum at.

LINGUE STRANIEREJob Title, Company Name; City, State — 2006–2008

 

il centro per l’impiego

il centro per l’impiego di Pistoia è vicino,  a circa 600 metri dalla porta del mio palazzo quindi quando nel 2015, 11 giugno per i più curiosi, sono stato licenziato dal mio lavoro presso Scubapro Italy srl, dopo 6 anni, mi sono rivolto al centro per l’impiego sperando di essere aiutato a trovare, appunto, un nuovo impiego in tempi, no dico rapidi, ma almeno ragionevoli. A tre anni da allora e dopo innumerevoli visite al Centro, devo dire che è una istituzione che è stata creata e viene mantenuta solo come centro di potere e di attuazione del voto di scambio, perchè, per ammissione degli stessi impiegati del centro, “di impieghi da assegnare non ce ne sono” e il loro unico obiettivo è fare da suplemento per tenere gli immigrati al caldo o, comunque, fuori dalla pioggia e far avere uno stipendio agli impiegati del centro stesso che, paracadutati lì grazie ad amicizie o parentele con politici provinciali regionali e comunali, usufruiscono di uno stipendio mensile senza, di fatto, fare nulla a favore di chi cerca lavoro e ripetono ossessivamente che “la provincia ci vuole far chiudere” e di “per favore firmate la nostra protesta sindacale”, quindi pubblica amministrzione che ha come unico fine quello di proteggere la propria esistenza e mungere lo stato di Risorse senza nemmeno pensare a dare lavoro perchè “sa, c’è la Crisi” ed altre scuse tipo “eh ma a noi ci fanno lavorare 6 ore al giorno e ci danno solo 1200 euro” come, di fronte a queste esternazioni, non provare pena per questi poveri dipendenti statali che fanno nulla ma riscuotono uno stipendio??. La prima volta che andai a cercare un impiego la mia intervista andò come segue:

Impiegato: “lei è laureato?

Io, non ancora

L’impiegato prende un foglio e scrive “Obbligo Formativo, non completato!” e mi da da firmare un a copia della dichiarzione di Immediata disponibilità all’impiego-indispensabile per poter richiedere la Naspi. Nei 3 anni successivi non vengo mai contattato, quindi ci torno io a chiedere se mi hanno trovato qualcosa. Risposte sempre del tipo: “guardi sul sito”, noi siamo impegnatissimi… a fare cosa di preciso?