Google plus non ci sarà più2 min read

Spread the love

Tra poco più di un mese, quasi due,ad Aprile 2019 Google chiuderà Google Plus, la versione di Google lanciata attorno al 2014per intercettare l’allora crescente voglia di Social Network r, più che altro, per cercare di controbattere lo straripare di Facebook. Alla nascita Google Plus fu accolti con un bel po’ di scetticismo e poca fiducia nelle sue capacità di riguadagnare terreno a Facebook e a Twitter, per tralasciare Instagram, allora in pienoboom. Google Plus aveva alcune caratteristiche innovative ed interessanti, come gli hangouts ed altre funzionalità di collaborazione che avevano preso il posto e rilanciato alcuni concetti già introdotti dall’azienda di Mountain view con Google Wave, prodotto lanciato nel 2009 e chiuso, per scarso successo, nel2010. Google si è trovata a combattere con Facebook che appunto ha avuto una fase di boom proprio tra il 2207 ed il 2016 quando ha superato i 2 miliardi di utenti. Sia Wave che Plus, però, non hanno avuto lo stesso successo di Facebook ed il perchè è tutto da indagare e discutere, certo Plus non è mai stato quella vetrina che Facebook è stata fin dall’inizio e che, nell’attuale società dell’immagine, viene ricercata da chi vorrebbe essere un influencer per mettersi in mostra, esattamente come le mamme che postano continuamente foto dei loro bambini come se il mondo non aspettasse altro che vedere cosa hanno fatto i bambini, il mondo di solito se ne strafrega dei figli della persona X, ma la persona X vuole imporre i propri figli all’attenzione dell’universo, perchè il mondo è troppo poco.. ricordo una Madre che diceva al Figlio: mettiti in questa posa che ti faccio una foto per metterla suFacebook per mostrare tutta la tua stupendosità (sic), con gente così oltre a Sperare nell’estinzione dei social, ci sarebbe ma da sperare in un bell’asteroide o meteorite gigante che spazzasse via questa società che più che dell’immagine è la società che ha eletto l’ignoranza a valore fondante e, a parte l’estinzione cos

xv
Liked it? Take a second to support Carlo on Patreon!