Se esistesse un reale reddito di cittadinanza2 min read

Spread the love

Se esistesse un reale reddito di cittadinanza, più correttamente indicato dal termine reddito di cittadinanza in condizionato, cosa che, nella forma proposta dal movimento cialtroni uniti alla ricerca di poltrone, se davvero esistesse una tal cosa, ci troveremmo, anzi si troverebbero i fortunati che ne usufruirebbero, congiuntivi e condizionali a pioggia, in una condizione simile ai membri del clero inglese del 700 e 800, vicari e simili, spesso protagonisti dei romanzi ambientati in quel periodo e certo diversi dai prelati italiani dello stesso periodo, impegnati soprattutto in lotte intestine, per la conquista di maggior potere e maggiori prebende, non sto facendo iltipico italiano che maledice la sua terra e adora incondizionatamente l’estero sto cercando di essere obiettivo e di dare, uno sguardo oggettivo alle cose. Molti di questi appartenenti al clero, liberi dall’affanno quotidiano di introitare soldi destinati a fronteggiare il carovita, furono i protagonisti di una ragione scientifica di rara fecondità nella storia umana, scientifica ed anche artistica, in Italia, temo che un tale reddito incondizionato, porterebbe più ad un ozio smodato, penso male, ma, comedisse andreotti, a pensare male si fa peccato ma, spesso, ci si indovina. Insomma quelli erano già scienziati o comunque persone dalla spiccata curiosità intellettuale e dediti a leggere e a scrivere, che contribuirono molto al progresso scientifico di quel periodo, penso a Maxwell e alle sue equazioni, ma anche a Lord Dalton e allo Stesso Charles Darwin, che temo, non avrebbero omologhi al giorno d’oggi, più che altro per mancanza di cultura di base, massacrata e infine distrutta dalla scuola a partire dal 1968 e per tutti gli anni ’70 ed 80 ma anche 90 e inizi del 21° secolo. sotto la bandiera della lotta al nozionismo, si è eliminato il nozionismo ma si è anche eliminata quella base culturale condivisa che era l’elemento fondante di una cultura e di una ben poco sviluppata, idetità condivisa.

xv
Liked it? Take a second to support Carlo Amoretti on Patreon!