Categorie
biografia Europa viaggi

Sì Viaggiare3 min read

Spread the love

Evitando le buche più dure mi pare che Cantasse Lucio Battisti, per avere un rinfresco della memoria, qui cè il video.

xv

Ma non voglio parlare di Battisti che, ai miei tempi di scoprire la grande musica, solitamente intorno ai 13-14 anni , Quando ci sono arrivato io, nel 1984,1985, primo anno delle superiori, Battisti era già considerato musica vecchia, mentre stavano arrivando dall’estero gruppi e cantanti che saranno poi i protagonisti degli anni 90, bruce Springsteen, di cui ho parlato qui, e si iniziava a farsi un’idea degli U2, a quei tempi ancora veri rocker, ben lontani, per fortuna, dico io, dalle sonorità quasi al limite della disco di zooropa, a cui mancavano altri nove, dieci anni, infatti è uscito nel 1993, allora imperavano solo con Sundy Bloody Sunday, dall0album War poi sarebbe arrivato The Joshua Tree ed ascoltavamo ancora i Dire Straits di Sultans of Swing eAlchemy ed era il periodo d’oro dei Queen e di Alan PArsons Project che stava per diventare un fenomeno , poco dopo, intorno al 1989.1990, Madonna era ancora agli esordi della fama mondiale e cantava ancora cose come Everybody , le Spice Girls ancora erano del tutto sconosciute, Britney Spears (n1981)aveva poco più di 2-3 anni e infante era anche Cristina Aguilera(n 1980), Gigi d’Alessio era sconosciuto, e magari lo fosse rimasto.

Chi ballava lo faceva sulle note di pezzi allora già Classici come Enola gay Manoeuvres in the dark, ma al di là della musica, l’oggetto del post volva essere proprio il viaggiare, nel senso di Spostarsi altrove e conoscere nuovi posti, nuova gente, tra il 2009 ed il 2015 ho avuto la fortuna di viaggiare molto per cose di lavoro: francia, germania, danimarca, Belgio, Svizzera, Stati Uniti, Egitto, 3.4 volte, Irlanda, Scozia, varie volte a partire dalla prima nel 1991, e poi, una volta perso il lavoro, mi sono fermato, ma come mi piace pensare, sono ancora vivo, nonostante abbia 48 anni, e conto di A ritrovare un lavoro, dopo 5 anni di disoccupazione, B ricominciare a viaggiare, che il mondo è grande come ho realizzato qualche giorno prima di natale quando, davanti ad un planisfero enorme appeso alla parete della sala riunioni della mia commercialista, ho appunto realizzato quanto poco del mondo ho visto, per i dettagli vedere la cartina che dovrebbe apparire qui sotto

Generate your own visited stated map, Where Can I FLY ?
Visited 12 states (4.8%) – Visited states map generator - Where Can I FLY ?, Travel inspiration and booking Generate your own map

e quanto ancora ce ne sarebbe da scoprire e poi anche il gusto di tornare in posti noti, o stranoti come edimburgo, se non ci siete mai stati, correte, vi assicuro che ne vale la pena, se potete andateci in agosto e cercate di procurarvi per tempo i biglietti per l’Edinburgh Military Tattoo, vi assicuro che è uno spettacolo che vi emozionerà. Qui c’è una cartina che mostra quei pochi paesi che già ho avuto la possibilità di visitare, ma è evidente da quella cartina che ce ne sono ancora tanti tanti altri, un po’ di tempo ce l’ho, se avessi anche i soldi saprei come spenderli.

In Scozia tornerei anche domani, così come in Irlanda, poi mi piacerebbe vedere qualche paese dell’Est, di cui ho visitato brevemente solo Croazia e Slovenia, ma mi incuriosirebbero l’Albania e la Romania, senza tralasciare Serbia e Montenegro, Poi l’Austria, storicamente vicina a quelle zone, non soltanto geograficamente ma, perchè parte della Mitteleuropa protagonista del 1800 e del 1900, la prima guerra mondiale, infatti, è scoppiata in seguito agli eventi avvenuti in bosnia-erzegovina, tornare a Copenhagen, città visitata per la prima volta nel 1982 e poi ancora nel 2006, tra l’altro nel periodo a cavallo tra novembre e dicembre, con il Tivoli in grande spolvero per il natale, una vera Winter Wonderland, da vedere almeno una volta nella vita.

Liked it? Take a second to support Carlo Amoretti on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *