Categorie
cultura generale politica società

La guerra2 min read

Spread the love

Continua, avrei voluto poter scrivereLq Guerra è finita, ma non lo è e quindi, per amore di veritànon lo posso scrivere,Quale guerra vi domanderete o voi, miei pochi lettori,la Guerra, distruttiva come tutte le guerre, che è iniziata nel 2007, negli stati uniti con la crisi dei mutui subprime che, dopo avere fatto stragi in america, si è estesa al mondo lasciando sul campo vittime, anche eccellenti come la banca d’investimenti Lehman Brothers (1850-9/9/2008 e la guerra è continuata, poi con l’elezione di Donald Trump nel 2016 e la sua predilezione per i dazi si è riscaldata con l’inizio di un’applicazione arbitraria dei dazi che hanno causato  gravi perdite al settore economico e frenato la timida ripresa del commercio mondiale, di questi giorni la  prima tappa della brexit che è un altra vittima della guerra e le cui conseguenze sono ancora tutte da capire a fondo, certo una guerra atipica e difficile da inquadrareper gente, come gli italiani, che hanno vissuto sulla propria pelle le due guerre mondiali, ma almeno quelle erano semplici da capire, i tedeschi cattivi e gli alleati buoni, poi la guerra di Corea e la guerra fredda, con gli americani buoni e i comunisti e i cinesi, guerra di Corea, cattivi, mentre qui non si sa chi è buono e chi è cattivo anche se c’è una certa tendenza a semplificare brutalmente, per far capire al popolo bue e dargli un nemico da odiare: e dire noi siamo buoni, i tedeschi cattivi, anche se c’èuna versione alternativa che mette tra i cattivi le multinazionali, ma in realtà si tratta, secondo me, di una guerra intestina all’italia di cui si può dare una prima rappresentazione guardando al tasso di disoccupazione come dal grafico sotto, che la mostraincrscitacontinuadal2015aldicembre2019enonmisembrachevvadatantomeglioinquestoiniziodel2020.macivorràancoradeltempoprimache…sianodisponibiliidatie,comunque,noncambianullapericittadiniche sono presi nel mezzo dello scontro tra nemici indefiniti e,forse,indefinibili,ma,tra aziende che scompaiono e nuovi lavori che ancora non si vedonolasopravvivenzaèsicurasoloperchi ha un lavoro,datoglidallafamiglia o ha i fondi per crearsi un lavoro.SperiamochelaGuerrafiniscapresto,conlavittoriaditutti,echecisiaundopoguerrachevedaunariptresarealedell’economiadiquesto nuovomondo

xv
Liked it? Take a second to support gestione on Patreon!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *