Categorie
cultura generale guccini nuovi media scienza

perseguitato dal numero 3

oggi 21 febbraio 2020 sono due anni da che ho preso la laurea, preso nel senso che due anni fa, come oggi, ho discusso la mia tesi nell’aula del D15 alle ore 9, i numeri sono numeri, non significano niente e al lotto li ho già giocati, non ho giocato il voto 104/110 perchè al lotto non ci sono, ma le altre combinazioni, inclusa la data dell’ultimo esame, 14 13 2016 li ho provati giù io inutilmente, la numerologia per me è, è sempre stata e sempre sarà una stupidaggine, e non mi addentro nelle follie numerologiche di Gregory Grabovoi perchè hanno ancora meno senso della numerologia spicciola basata su fatti storici,infatti hanno accesso esclusivamente perchè in questi anni la crescita dell’ignoranza ed il regresso della cultura generale, hanno portato ad un ritorno di cose che si sa da secoli che sono pie illusioni, eppure la gente, in questo nuovo medioevo crede di nuovo nella magia alla harry potter, sena naturalmente averlo letto, ma crede che Dire Pugnakkulum possa servire a difenderli dal coronavirus, allo stesso tempo evita i vaccini ed il pensiero magico si diffonde sempre di più. Resta inteso che ognuno ha titolo e diritto ad avere una opinione diversa e credere in quello che vuole, per quanto assurdo sia, per dire, c’è anche chi crede nell’esistenza di Dio, meno male che siamo ancora in un paese libero, ma io rivendico il diritto di pensarla a modo mio su questo e su mille altre cose che non condivido con “tutti” quei tutti della frase “ma fanno tutti così quindi è giusto!” da cui l’unica conseguenza che logicamente si può trarre è mangiate la merda, dopotutto piace a milioni di mosche… appunto, quasi quasi faccio un punto d’onore di distinguermi dalla massa non pensante, nel senso che non pensa, e non perchè non abbia cervello ma perchè, pur avendolo non lo usa per pensare, non si pone domande e dubbi e, in definitiva vive bene, per citare come mi capita Spesso, Francesco Guccini che in un concerto disse: “Purtroppo in tanti, e molti qui davanti, ignorano quel tarlo mai sincero che chiamano pensiero”

xv
Categorie
Europa guccini politica

Considerazioni sul reddito di Cittadinanza

Il M5S di seguito Il Movimento,

xv
Categorie
biografia guccini

Continuare o fermarsi?

Credo di averlo già scritto, ma lo scorso anno, di questi tempi, 7mesi dopo la laurea triennale, conseguita il 21 febbraio 2018, mi sono iscritto ad un corso di laurea specialistica, in sociologia e ricerca sociale, scrivo questo perchè? perchè, per me, scrivere è un modo e un’occasione per riflettere, mettere in ordine le mie idee ed arrivare ad un giudizio sulle mie decisioni, quindi, perchè l’ho fatto?, da una parte perchè:

xv
Categorie
biografia Europa guccini politica

è lunedì

il nuovo approccio italiano al calendario ha stabilito che…

xv
Categorie
biografia guccini politica

Questa Vita che ci birilla come palle da Biliardo

Chi è più attento anzi acculturato avrà riconosciuto la Citazione dalla Canzone Antenor di Francesco Guccini, Cantautore che, per ora non ho ancora avuto la fortuna di incontrare, ma non escludo in un qualche momento del futuro di provare a fare un giro a Pavana per cercare di incrociarlo, nel frattempo, mi accontento di ascoltare le sue canzoni e leggere i suoi libri, perchè, per le prime trovo che molte strofe siano, ed abbiano un valore apodittico ma a livello di veri e propri aforismi che, forse perchè per ragioni anagrafiche la mia vita sta passando acque simili a quelle attraversate, forse, dal Maestrone nella sua e che lo hanno portato a scrivere quelle frasi in cui mi ritrovo, sia come sia, in questo giorno di febbraio del duemila e diciannove mi ritrovo a pensare al senso e, al se sia anche solo ipotizzabile di dirigere la nave dalla nostra vita tra i flutti del pelago in tempesta della vita o se non sia più saggio limitarsi a cercare di rimanere a bordo del vascello della vita e lasciare che siano le onde, o la tyche o il destino o il Signore, per chi ci crede,io no, di nuovo per ragioni di fortuna o di destino, non sono in grado di dire se un qualche essere superiore trascendente o immanente esista o meno, e quindi rimango agnostico, sono certo che molti, o solo alcuni non approveranno la mia decisione e la criticheranno, liberissimi, anzi protetti anche loro dall’articolo ventuno della costituzione, che però, attenzione, garantisce anche al sottoscritto autore il diritto di critica, e in ogni caso, io rimango una voce fuori dal coro, non per elitarismo ma perchè sono rassegnato a non essere in sintonia col popolo, di nuovo e per l’ennesima volta: il web è grande, se preferite esplorare altrove, please, dopotutto chiunque arrivi qui porta gioia, qualcuno quando arriva, con l’atto stesso di arrivare, altri quando se ne vanno. . . e i puntini di sospensione rimangono comunque tre e non più di tre, amen. Ho quindi deciso che cercare di dirigere la propria vita in una qualche direzione è, di fatto, impossibile, e quindi meglio mantenere la propria rotta, per quanto possibile, resistere alle ondate, se si può, e non prendersela troppo visto che comunque la vita ci birilla appunto, come palle da biliardo, è questo un invito a scegliere il percorso di minore resistenza? in un certo senso sì, tanto nella mia esperienza, prendersela e lottare è totalmente inutile, un po’ come il topos della lotta con la morte quando arriva, se è il tuo momento non lo puoi rimandare e quindi continuerò a venire birillato dalla vita, nel bene e nel male, ma la resistenza è futile per citare una frase celebre degli sceneggiatori di Star Trek The next Generation.

xv